• Nicolò Bellucci

F1. A Jeddah trionfa Verstappen, podio dolceamaro per le Ferrari


La lotta tra Leclerc e Verstappen | Foto Ferrari


Si è concluso il weekend di gara sul circuito Saudita dì Jeddah, che ha visto trionfare la Red Bull nº 1 dì Max Verstappen davanti alle rosse dì Maranello. Una corsa meno “folle” rispetto alla prima edizione tenutasi lo scorso anno, ma non meno emozionate.


La gara


Sergio Perez, fresco di prima pole in carriera dopo 215 partenze, scatta bene e riesce a mettere fra se e Leclerc un distacco tale per cui il monegasco non riesce a sfruttare il DRS. Dietro le posizioni di testa si accende una lotta tra le rosee Alpine, bella e corretta, in cui a spuntarla sarà Fernando Alonso, che al giro 38 però sarà costretto a dire addio alla corsa, insieme ai suoi colleghi Daniel Ricciardo e Valtteri Bottas.

Un momento della gara | Foto Ferrari


Le posizioni si cristallizzano fino al momento nel quale Nicholas Latifi perde l’auto all’ultima curva, facendo entrare la Safety Car e agevolando così Charles Leclerc, che non fermandosi ai box ottiene il primo posto ai danni della Red Bull di Perez. Inizia così una dura e logorante lotta tra il ferrarista e Max Verstappen protrattasi fino alla fine della corsa. A spuntarla, stavolta, è il campione del mondo in carica.



Max Verstappen sul podio di Jeddah | Foto Vladimir Rys


Verso Melbourne


Un secondo posto dolceamaro per Charles Leclerc, che comunque mantiene il primo posto in vetta alla classifica piloti. Un ottimo Carlos Sainz dimostra ancora una volta dì essere in ballo per il Mondiale, mentre le Mercedes sono andate nuovamente in difficoltà anche se a punti.

Charles Leclerc sul podio | Foto Ferrari


La Ferrari però può ancora una volta sorridere, grazie a una F1-75 solida e competitiva, che svetta davanti alle altre monoposto anche nella classifica costruttori come non accadeva da anni. Il prossimo appuntamento sarà in Australia, sul circuito di Melbourne, tracciato cittadino che torna nel calendario dopo la parentesi Covid. Cosa ci riserverà il futuro, le Ferrari e le Red bull faranno nuovamente una gara a se, o stavolta anche la Mercedes sarà del gruppo? La risposta la avremo tra due settimane.