• Alessandro Usai

Transizione ecologica: 68,9 miliardi previsti nel Recovery plan. Da dove deve partire il Paese?


Sono passati alcuni anni dalla Conferenza sul clima di Parigi (COP21) del 2105, dalle proteste ispirate da Greta Thunberg nel 2018 e dalla fondazione del movimento ambientalista giovanile “Fridays for Future” [1], ma i dati sull’inquinamento non sembrano riportare risultati derivanti da comportamenti virtuosi da parte degli Stati.


La Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, conosciuta come Accordo di Parigi, è il primo accordo universale e giuridicamente vincolante sui cambiamenti climatici, adottato alla conferenza di Parigi sul clima (COP21) nel dicembre 2015. Su 195 Paesi che hanno firmato l’Accordo, solo tre hanno ottenuto risultati con un grande impatto ecologico: Marocco, Costa Rica e Gambia. [2] Questo contratto pone l’obiettivo, per i suoi firmatari, di contenere l'aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2ºC rispetto ai livelli preindustriali, che corrisponde a un budget mondiale di 700 miliardi di tonnellate di CO2, e proseguire gli sforzi per limitare tale aumento a 1,5ºC. [3]


Tra i vari obiettivi che l’UE si è prefissata per la lotta all’inquinamento ci sono:

  • l’abbattimento del 33% delle emissioni entro il 2030 rispetto al 2005 (al 2020 l’Italia si trovava a 23 punti percentuali dal suo obiettivo)[4], o ridurre del 40% le emissioni di gas a effetto serra rispetto al 1990 come Unione Europea;

  • aumentare l’utilizzo di energie rinnovabili (almeno il 32%);

  • migliorare l’efficienza energetica almeno al 32,5%. [5]

Ma non sono solo questi gli obiettivi da raggiungere in materia green. Per quanto riguarda la tematica del riciclaggio ci sono aspetti ancora più preoccupanti; infatti, secondo dati risalenti ad inizio 2020, entro la fine del 2012 l’Italia avrebbe dovuto raggiungere il 65% di raccolta differenziata e, a inizio 2019, solo 7 regioni sono arrivate a questo traguardo (Veneto, Trentino-Alto Adige, Lombardia, Marche, Emilia-Romagna, Sardegna e Friuli-Venezia Giulia). [6]

Percentuale di raccolta differenziata di rifiuti urbani per regione (2018)

(Fonte: elaborazione Openopolis su dati Ispra.

Dati aggiornati a dicembre 2019.)


Secondo l’attuale Ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani dagli ultimi anni a oggi “stiamo mettendo pezze”, in quanto non basta applicare determinate direttive per diminuire l’inquinamento ambientale entro una decade e mezzo. Il surriscaldamento del pianeta funziona esattamente come un termosifone, se questo si spegne non smette di essere caldo fin da subito; di conseguenza, si deve cambiare la mentalità comune cercando di ragionare sul lungo periodo. [7] Se viene abbattuta la CO2 in 10-20 anni, occorrerà circa un secolo affinché le temperature tornino ad un livello adatto.

Inoltre, si deve tenere a mente che, se l’Europa riuscisse a portare avanti questa battaglia e raggiungere gli obiettivi prefissati entro il tempo limite, questo lavoro servirebbe ad abbattere il 10% dell’anidride carbonica emessa; il restante 90% è prodotta da altre 160 nazioni; di conseguenza, si deve sperare che anche gli altri Paesi (si pensi a grandi produttori come Cina, Russia e America) rispettino la stessa roadmap (tabella di marcia).


Foto copertina: Ralph Pace, "California Sea Lion Plays with Mask".

Vincitore del World Press Photo of the Year 2021 per la categoria environment (prestigioso concorso di fotogiornalismo nel mondo).


Fonti: [1] Edo Ronchi, Fridays for future: con Greta nella lotta al cambiamento climatico”, Huffington Post, 8 febbraio 2019, https://www.huffingtonpost.it [2] Fridays For Future Italia, Accordi di Parigi sul clima: cinque anni di parole vuote, ilfattoquotidiano.it, 12 dicembre 2020, https://www.ilfattoquotidiano.it [3] UNFCCC, Paris Agreement, 2015,

https://unfccc.int/sites/default/files/english_paris_agreement.pdf

[4] Daniela Romano, L’andamento delle emissioni nazionali di gas serra, presentazione PowerPoint, slide n°25, ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, 21 aprile 2020,

https://www.isprambiente.gov.it/files2020/eventi/gas-serra/romano.pdf [5] Commissione europea, Quadro 2030 per il clima e l’energia, https://ec.europa.eu/clima/policies/strategies/2030 [6] Redazione, L’Italia è ancora lontana dall’obiettivo sulla raccolta differenziata, openpolis, 11 settembre 2020, https://www.openpolis.it/ [7] Intervento del Ministro Roberto Cingolani alla conferenza “Costruire il futuro: il ruolo delle imprese”, dal minuto 4 al minuto 23 circa. Conferenza organizzata da italiadecide, disponibile su: https://www.youtube.com/watch?v=hsiHtzmuXFE